Che genitore sei ? Ti guidano le emozioni o le tue esperienze ?

Diverse ricerche (vedi Harwood e Knight, 2015) hanno scoperto che il sostegno e l'incoraggiamento dei genitori sono positivamente associati alla competenza, al divertimento, alla motivazione nonchè all'autonomia dei propri ragazzi/e. Tuttavia, i genitori hanno anche un impatto potenzialmente negativo producendo ansia da prestazione, attraverso la critica verbale, comportamenti conflittuali e manifestazioni di rabbia durante le competizioni.


Per questo motivo ho deciso di approfondire le 7 diverse tipologie di genitore nello sport individuate da Van Mullem e Cole (2015), presentando le caratteristiche distintive e le loro modalità comunicative.


Nel precedente articolo ho affrontato il genitore focalizzato sul risultato, mentre oggi cercherò di chiarire quello guidato dalle emozioni e il cosiddetto "veterano esperto".


Che tipologia di genitore sei ?

IL GENITORE GUIDATO DALLE EMOZIONI

si lascia prendere facilmente dall'eccitazione e dall'emozione che circonda l'esperienza sportiva del figlio/a, rischiando di sviluppare un attaccamento emotivo all'attività, sincronizzandosi con le emozioni del figlio (Hyman, 2009).



Ad es., se il bambino prova euforia, il genitore proverà euforia; al contrario, se il bambino ha un rendimento scarso, il genitore può diventare depresso (Kriegel, 2007). Questi cambiamenti di umore possono essere momentanei o possono durare l'intera stagione e spesso hanno un impatto negativo sul bambino e forse sull'intera squadra o gruppo.

Un metodo per riconoscere un genitore guidato dalle emozioni e è osservare come reagisce dopo una partita:

  • Sorride dopo una vittoria ed è imbronciato dopo una sconfitta?

  • Sembra più coinvolto quando il bambino è felice?

Per comunicare efficacemente con questo genitore, valuta la possibilità di lavorare direttamente con l’atleta, insegandogli come affrontare la sconfitta e la vittoria in modo positivo (Martens, 2012), diventando un esempio di comportamento per il genitore stesso.



IL GENITORE VETERANO ESPERTO

È un genitore che ha avuto precedenti esperienze nel mondo dello sport, e le utilizza per comunicare, capire e reagire alla partecipazione dei propri figli.

Per identificare un genitore esperto, nota se il genitore:

  • sembra vivere attraverso l'esperienza e il successo del bambino;

  • spera che il loro bambino/a raggiunga il proprio livello di successo come atleta (Martens, 2001; Smoll et al., 2011);

  • dimostra di avere conoscenza del gioco e offre spunti che potrebbero essere utili.

Per comunicare efficacemente con questa tipologia di genitore ascolta ed evita di metterti sulla difensiva riguardo ai suoi suggerimenti e commenti (Smoll et al., 2011), forma una relazione con lui e stabilisci una mutua fiducia basata sullo sviluppo della squadra o del gruppo, e non solo sul risultato del figlio (Ronglan & Havang, 2011). Inoltre, avendo gareggiato ad un alto livello, potrà comprendere meglio e fornire maggiori informazioni sull’esperienza che il proprio figlio sta attraversando (Dorfman, 2003).


Per concludere, un altro approccio, valido per entrambe le tipologie di genitori, è quello di creare delle formazioni e degli incontri all'inizio della stagione, informando i genitori delle difficoltà che il figlio potrebbe incontrare, sottolineando che lo sport offre una meravigliosa opportunità di apprendimento e che dovrebbero cercare i modi per aiutare il loro bambino a imparare dall’esperienza (Brown, 2003).

Vuoi saperne di più sui genitori e su come lavorare con loro ? Vuoi conoscere di più gli strumenti e le tecniche per poterci lavorare al meglio? Segui il seguente link e acquista il corso https://formazionecontinuainpsicologia.it/corso/ruolo-dei-genitori-nel-contesto-sportivo/aff/costasergio/


Vuoi invece leggere più articoli sul ruolo e l'importanza dei genitori nel contesto sportivo ?

Visita la nostra sezione dedicata ----> https://www.sergiocostapsicologosport.com/articoli-psicologia-sport/categories/genitori-e-sport


BIBLIOGRAFIA

Brown, B. (2003). Teaching character through sport: Developing a positive coaching legacy. Monterey, CA: Coaches Choice.

Dorfman, H. A. (2003). Coaching the mental game. Lanham, MD: First Taylor Trade.

Hyman, M. (2009). Until it hurts: America’s obsession with youth sports and how it harms our kids. Boston, MA: Beacon.

Harwood, C. G. and Knight, C. J. (2015). Parenting in youth sport: A position paper on parenting expertise. Psychology of Sport & Exercise, 16, 24–35.

Kriegel, M. (2007). Pistol: The life of Pete Maravich. New York, NY: Free.

Martens, R. (2001). Directing youth sport programs. Champaign, IL: Human Kinetics.

Martens, R. (2012). Successful coaching (4th ed.). Champaign, IL: Human Kinetics.

Ronglan, L. T., & Havang, O. (2011). Nikalas Luhmann: Coaching as communication. In R. L. Jones, P. Potrac, C. Cushion, & L. T. Ronglan (Eds.), The sociology of sport coaching (pp. 79–93). New York, NY: Routledge.

Smoll, F. L., Cumming, S. P., & Smith, R. E. (2011). Enhancing coach–parent relationships in youth sports: Increasing harmony and minimizing hassle. International Journal of Sport Science & Coaching, 6, 13–26.

Van Mullem, P. and Cole, M. (2015) Effective Strategies for Communicating with Parents in Sport, Strategies, 28:1, 13-17.


#SergioCosta

#PsicologodelloSport

#PhD in Neuroscienze, Imaging e Scienze Cliniche

#PreparatoreMentale FIT