Come lavorarci al meglio

Le caratteristiche del genitore "perfetto"

PROGETTO GENITORI

Edoardo Ciofi

EDOARDO CIOFI

Psicologo dello Sport e responsabile FIGC

Eugenio De Gregorio

EUGENIO DE GREGORIO

Docente e Psicologo dello Sport

VANESSA COSTA

Psicoterapeuta e Psicologa dello Sport

Nell'ultimo decennio è cresciuto notevolmente l’interesse nei confronti dei genitori e del loro ruolo e coinvolgimento nello sport giovanile, fornendo spunti interessanti sui fattori di stress, sulle esperienze e sui comportamenti positivi e negativi associati alla genitorialità. 

 

Il genitore, che lo voglia o no, fa sempre un investimento sul figlio in termini di emozioni e aspettative, che possono danneggiare non solo la prestazione o l'esperienza sportiva, ma anche la relazione genitori-figli (Holt and Knight, 2014).

 

Tuttavia, molte società, per affrontare questo tema, fissano un decalogo, cioè delle regole che consigliano o obbligano i genitori a determinati comportamenti, a prescindere dal contesto sportivo, non riscontrando però grande successo.

Con i genitori, infatti, deve essere cercata e creata un’alleanza, una collaborazione per realizzare percorsi formativi personalizzati utili a risolvere diversi problemi, da quelli educativi alle molteplici incombenze organizzative.

 

È da queste riflessioni che parte l’impostazione del progetto di ricerca/intervento che ha come obiettivo quello di sensibilizzare e coinvolgere attivamente i genitori all'interno del processo di crescita, approfondendo il cosiddetto concetto di "Genitore perfetto". 

Questo lavoro, nell'ambito tennistico, ha avuto sia un riconoscimento da parte della Scuola dello Sport, vincendo il premio Madella 2018, che una ricaduta applicativa all'interno della Federazione Italiana Tennis (FIT) nei Centri Periferici d'Allenamento (CPA).

Concludendo, dato l'impatto che i genitori possono avere sulle esperienze sportive e di crescita dei loro figli, diventa fondamentale progettare un programma specifico per conoscerli e per aiutarli al meglio. Infatti, questa enorme esperienza e studio mi ha portato a strutturare un corso ondemand, solo per psicologi che vogliono lavorare con i genitori nel contesto sportivo. 

Il corso è organizzato in due moduli:

  1. I genitori nello sport: tutto quello che c’è da sapere, fornendo riferimenti teorici sull'influenza,  il ruolo e le tipologie di genitore nel contesto sportivo;

  2. Come strutturare un intervento con i genitori: dalla teoria alla pratica, individuando esercitazioni, temi e lavori da svolgere con loro durante i vari incontri.

Che lo si voglia o no, il genitore è un elemento fondamentale nel contesto sportivo, e proprio per questo motivo deve essere coinvolto in modo attivo, concreto e partecipativo, rendendolo consapevole dei suoi comportamenti e dei relativi effetti sul proprio figlio/a.

Sei uno Psicologo?

Vuoi saperne di più sul progetto o

vuoi collaborare con me?

Sei interessato a capire di più questo argomento? Leggi gli articoli che troverai di seguito e contattami nel caso avessi qualche dubbio o domanda.

Sei un atleta, un allenatore o un genitore?

Vuoi saperne di più o

lavorare su questi aspetti?